-

galleriafoto

Ti trovi qui:

Home

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI
DELLA PROVINCIA DI ISERNIA
PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE
PROGRAMMA TRIENNALE
PER LA TRASPARENZA E L’INTEGRITÀ

Anni 2014-2016

TITOLO I
DISPOSIZIONI PRELIMINARI
Paragrafo 1
(Premessa)

1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione” (c.d. legge anticorruzione) prevede una serie di misure finalizzate a contrastare il verificarsi di fenomeni corruttivi nelle Amministrazioni Pubbliche sia centrali che locali.
2. La nozione di corruzione rilevante ai fini dell’applicazione della suddetta legge ha una connotazione più ampia rispetto a quella penalistica e comprende, oltre ai delitti contro la Pubblica Amministrazione di cui al Titolo II, Capo I del Codice Penale, le varie situazioni in cui, a prescindere dalla rilevanza penale, venga in evidenza un malfunzionamento dell’amministrazione a causa dell’uso a fini privati delle funzioni attribuite.
3. La legge ha individuato l’Autorità nazionale anticorruzione nella CIVIT – Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle Amministrazioni Pubbliche prevista dall’art. 13 del d.lgs. n. 150 del 2009- (ora ANAC a seguito della Legge n. 135/2013), ed attribuisce a tale autorità compiti di vigilanza e controllo sull’effettiva applicazione, nelle singole Amministrazioni, delle misure anticorruzione e di trasparenza previste dalla normativa: alla medesima autorità compete inoltre l’approvazione del Piano nazionale anticorruzione predisposto dal Dipartimento della Funzione Pubblica.
4. Ciascuna Amministrazione è tenuta ad adottare un proprio Piano triennale di prevenzione della corruzione e ad individuare un dirigente con funzione di Responsabile della prevenzione della corruzione: tale soggetto collabora alla predisposizione del Piano triennale, svolge attività di verifica e controllo del rispetto delle prescrizioni in tema di anticorruzione e promuove la formazione dei dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione.
5. Il Consiglio Direttivo dell’Ordine con delibera del 13.02.2014 ha individuato la dipendente dell’Ordine, quale Responsabile della prevenzione della corruzione dell’Ente e contestualmente ha nominato lo stesso soggetto responsabile per la trasparenza.
6. Il presente Piano è adottato ai sensi della legge n. 190 del 2012 ed in conformità alle indicazioni contenute nel Piano nazionale anticorruzione (di seguito P.N.A.) approvato con Delibera della CIVIT (ora ANAC) n. 72 dell’11 settembre 2013.
Al fine di dare applicazione alle disposizioni della suddetta legge, il presente Piano è stato redatto dal responsabile della prevenzione della corruzione con la collaborazione di professionalità sia amministrative sia tecniche.
Il presente Piano costituisce pertanto documento programmatico dell’Ordine e in esso confluiscono le finalità, gli istituti e le linee di indirizzo che il Responsabile della prevenzione della corruzione ha condiviso nella fase dei lavori di predisposizione del Piano stesso.
Paragrafo 2
(Contenuto e finalità del Piano)
1. In osservanza a quanto stabilito dalla legge n. 190 del 2012 e dal P.N.A., il Piano contiene anzitutto una mappatura delle attività dell’Ordine maggiormente esposte al rischio di corruzione e inoltre la previsione degli strumenti che l’ente intende adottare per la gestione di tale rischio.
Ai sensi di quanto previsto dall’art. 10 del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 attuativo della legge anticorruzione, il
presente Piano contiene anche il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità dell’Ordine.
2. Il presente Piano viene trasmesso al Dipartimento della Funzione Pubblica secondo le modalità stabilite dal Dipartimento stesso ed è pubblicato sul sito istituzionale dell’Ordine nella sezione “Amministrazione trasparente”. Il Piano è inoltre consegnato ai dipendenti e ai collaboratori affinché ne prendano atto sottoscrivendolo, lo osservino e lo facciano rispettare.
Il presente Piano, unitamente al codice di comportamento di cui al D.P.R. n. 62/2013, saranno altresì consegnati ai nuovi assunti ai fini della presa d’atto e dell’accettazione del relativo contenuto.
3. Il Piano è soggetto ad aggiornamento e i relativi contenuti potranno subire modifiche ed integrazioni a seguito delle eventuali indicazioni provenienti dagli organi nazionali competenti secondo le modalità indicate nel successivo paragrafo 11.
Paragrafo 3
(Classificazione delle attività e organizzazione dell’Ordine)
1 L’Ordine, ai sensi dell’articolo 6 del Dlgs n. 139 del 2005, è un ente pubblico non economico a carattere associativo dotato di autonomia patrimoniale e finanziaria che determina la propria organizzazione con appositi regolamenti nel rispetto delle disposizioni di legge ed è soggetto alla vigilanza del Consiglio
Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e del Ministero della Giustizia.
2. Ai sensi del Dlgs n. 139 del 2005 l’Ordine svolge attività istituzionali e attività aggiuntive rese a favore degli Iscritti e di soggetti terzi richiedenti sia pubblici sia privati. Un’elencazione, da ritenersi non tassativa, delle attività svolte dall’Ordine è rinvenibile nel regolamento attuativo della legge n. 241 del 1990.
3. Al fine di perseguire efficacemente il proprio mandato istituzionale, l’Ordine opera attraverso una organizzazione composta dal Consiglio Direttivo dell’Ordine (composto da 7 consiglieri), dal Consiglio di Disciplina Territoriale (composto da 7 membri) e dalla struttura amministrativa composta da n. 2 dipendenti.
Paragrafo 4
(Gestione del rischio)
1. In osservanza a quanto disposto dalla legge n. 190 del 2012 e dal P.N.A., si è proceduto alla mappatura delle aree maggiormente esposte al rischio di corruzione nonché all’individuazione, per ciascuna area, dei processi più frequentemente soggetti al verificarsi del rischio corruttivo: le aree di rischio comprendono quelle individuate come aree sensibili dall’art. 1, comma 16 della legge n. 190 del 2012.
Per ciascun processo sono stati individuati i potenziali rischi corruttivi, la probabilità del verificarsi di tali rischi nonché l’impatto economico, organizzativo e di immagine che l’Amministrazione potrebbe subire nell’ipotesi del verificarsi degli stessi. La valutazione del grado di rischio è stata condotta con riferimento al rischio attuale a ciascun processo, cioè prima dell’applicazione delle ulteriori misure di prevenzione indicate nel Piano stesso.
In sede di primo aggiornamento del Piano si procederà all’indicazione anche del rischio residuo, cioè il grado di rischio stimato a seguito dell’applicazione delle ulteriori misure di prevenzione indicate.
L’analisi del rischio con l’individuazione delle misure di prevenzione è stata realizzata dal Responsabile della prevenzione della corruzione con la collaborazione dei responsabili dei singoli procedimenti per le aree di rispettiva competenza con il coordinamento applicando gli indici di valutazione del rischio indicati nell’allegato 5 al P.N.A..
Salvo che non sia diversamente stabilito, l’attuazione delle ulteriori misure di prevenzione deve essere assicurata entro la scadenza del triennio di vigenza del Piano.
2. Nella tabella riportata nell’allegato 1 al piano sono individuate le macro aree di attività a rischio di corruzione e, per ciascuna area, i singoli processi esposti al rischio del verificarsi di fenomeni corruttivi (con l’indicazione dei principali fattori di rischio utilizzati per l’individuazione di tali processi), le strutture coinvolte oltre che la ricognizione delle misure di prevenzione già adottate, quelle ulteriori da adottare per ridurre il verificarsi del rischio e l’indicazione degli attori coinvolti nell’attuazione delle stesse.
TITOLO II
MISURE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE
Paragrafo 5
(Soggetti preposti al controllo e alla prevenzione della corruzione)
1. Le funzioni di controllo e di prevenzione della corruzione all’interno dell’Ordine sono attribuite al Responsabile della prevenzione della corruzione.
2. Il Responsabile della prevenzione della corruzione è individuato con delibera del Consiglio Direttivo nel Vicepresidente dell’Ordine. Lo svolgimento delle funzioni di Responsabile della prevenzione della corruzione non comporta il riconoscimento di emolumenti aggiuntivi. Le funzioni attribuite al Responsabile non sono delegabili se non in caso di straordinarie e motivate necessità.
3. Il nominativo del Responsabile è pubblicato, con adeguata evidenza, sul sito istituzionale dell’Ordine nella sezione “Amministrazione trasparente”.
4. Il Responsabile della prevenzione della corruzione:
a) propone al Consiglio Direttivo il Piano triennale della prevenzione della corruzione e i relativi aggiornamenti;
b) definisce procedure appropriate per formare i dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione ed individua, previo nulla osta del Segretario, il personale da sottoporre a formazione e/o aggiornamento;
c) verifica l’attuazione del Piano e la sua idoneità, anche con riferimento alle eventuali proposte formulate dai responsabili dei procedimenti;
d) propone modifiche del Piano anche in corso di vigenza dello stesso qualora siano accertate significative violazioni delle prescrizioni ovvero quando intervengano mutamenti nell’organizzazione o nell’attività dell’Ordine;
e) verifica il rispetto degli obblighi di informazione;
f) monitora le possibili rotazioni degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione;
g) verifica il rispetto delle disposizioni in materia di inconferibilità ed incompatibilità degli incarichi;
h) cura la diffusione dei Codici di comportamento all’interno dell’Ordine e il monitoraggio sulla relativa attuazione;
i) segnala all’Ufficio per i procedimenti disciplinari eventuali fatti riscontrati che possono presentare una rilevanza disciplinare;
j) informa la Procura della Repubblica di eventuali fatti riscontrati nell’esercizio del proprio mandato che possono costituire notizia di reato;
k) presenta comunicazione alla competente procura della Corte dei Conti nel caso in cui riscontri fatti che possono dar luogo a responsabilità amministrativa;
l) presenta al Consiglio Direttivo la relazione annuale di cui al paragrafo 9;
m) riferisce al Consiglio Direttivo sull’attività svolta ogni qualvolta venga richiesto.
5. Al Responsabile della prevenzione della corruzione si applica il regime di responsabilità previsto dall’art. 1, commi 12 e seguenti della legge n. 190 del 2012.
6. Il Responsabile della prevenzione della corruzione è altresì facoltizzato a richiedere in ogni momento chiarimenti, per iscritto o verbalmente, a tutti i dipendenti relativamente a comportamenti che possono integrare anche solo potenzialmente fattispecie corruttive o comunque non conformi a canoni di correttezza ai sensi della normativa vigente in materia.
7. Per il corretto esercizio delle proprie funzioni il Responsabile della prevenzione della corruzione si relaziona con tutti i responsabili dei procedimenti per quanto di rispettiva competenza.
Tali soggetti partecipano al processo di gestione del rischio: tutti i responsabili svolgono attività informativa nei confronti del Responsabile, propongono le misure di prevenzione e assicurano l’osservanza del Piano e del Codice di comportamento segnalandone le violazioni.
8. Tutti i dipendenti partecipano al processo di gestione del rischio, osservano le misure contenute nel Piano segnalando le eventuali fattispecie di illecito e le personali situazioni di conflitto di interesse.
La violazione, da parte dei dipendenti dell’Amministrazione, delle misure di prevenzione previste dal Piano costituisce illecito disciplinare.
Tutti i dipendenti, anche privi di qualifica dirigenziale, mantengono comunque il personale livello di responsabilità per il verificarsi di fenomeni corruttivi in relazione ai compiti effettivamente svolti.
(Strumenti di controllo e prevenzione della corruzione)
6.1 Rinvio alla tabella di analisi del rischio Conformemente a quanto richiesto dalla legge n. 190 del 2012, l’Ordine adotta misure finalizzate alla prevenzione della corruzione con riferimento alle fasi sia di formazione sia di attuazione delle decisioni relative alle attività maggiormente esposte a rischio.
E’ richiesto a ciascun responsabile di procedimento e a ciascun dipendente di segnalare le eventuali situazioni di conflitto di interesse esistenti con riferimento alle attività dallo stesso svolte e avendo riguardo anche a quanto previsto dagli artt. 6 e 7 del D.P.R. n. 62/2013 e dai codici disciplinari: la dichiarazione deve essere redatta per iscritto e inviata al Direttore dell’Ordine.
6.2 Incarichi ed attività non consentiti ai pubblici dipendenti L’Ordine provvede all’adozione di apposito atto contenente i criteri per il conferimento o l’autorizzazione allo svolgimento degli incarichi di cui all’art. 53 del d.lgs. n. 165 del 2001 nel rispetto di quanto stabilito. In tale atto sono disciplinati i criteri di valutazione ai fini del conferimento dell’autorizzazione, le fattispecie non soggette ad autorizzazione, le attività non autorizzabili in quanto incompatibili con l’impiego pubblico, la procedura di autorizzazione, l’apparato sanzionatorio e le ipotesi di sospensione e revoca dell’autorizzazione.
6.3 Attività successiva alla cessazione del rapporto di lavoro
Al fin di garantire l’applicazione dell’art. 53, comma 16-ter del d.lgs. n. 165 del 2001, l’Ordine aggiorna gli schemi tipo dei contratti di assunzione del personale mediante l’inserimento della clausola recante il divieto di prestare attività lavorativa sia a titolo di lavoro subordinato sia a titolo di lavoro autonomo per i tre anni successivi alla cessazione del rapporto nei confronti dei destinatari dei provvedimenti adottati o di contratti conclusi con l’apporto decisionale del dipendente.
L’Ordine procede inoltre all’inserimento nei bandi di gara o negli atti prodromici agli affidamenti, a pena di nullità, della condizione soggettiva di non aver concluso contratti di lavoro subordinato o autonomo e comunque di non aver attribuito incarichi ad ex dipendenti o responsabili di procedimento che hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto dell’Ordine nei loro confronti per il triennio successivo alla cessazione del rapporto.
6.4 Formazione di commissioni, assegnazione agli uffici e conferimento di incarichi in caso di condanna penale per delitti contro la Pubblica Amministrazione Il Responsabile della prevenzione della corruzione, in collaborazione con i Responsabili del Procedimento competenti all’adozione degli atti di riferimento, verifica la sussistenza di eventuali precedenti penali in capo a dipendenti dell’Ordine o a soggetti anche esterni a cui l’ente intende conferire l’incarico di membro di commissioni di affidamento di commesse o di concorso, o di altri incarichi di cui all’art. 3 del d. lgs. n. 39 del 2013, l’assegnazione agli uffici che abbiano le caratteristiche di cui all’art. 35 bis del d.lgs. n. 165 del 2001.
L’accertamento avviene mediante dichiarazione di autocertificazione resa dall’interessato conformemente a quanto previsto dall’art. 20 del d.lgs. n. 39 del 2013.
6.5 Obblighi di informazione
I Responsabili dei procedimenti informano tempestivamente il Responsabile della prevenzione della corruzione di qualsiasi anomalia accertata che comporti la mancata attuazione del Piano.
I dipendenti che svolgono attività potenzialmente a rischio di corruzione segnalano al Responsabile per la corruzione qualsiasi anomalia accertata indicando, se a loro conoscenza, le motivazioni della stessa.
L’Ordine è comunque tenuto a dare applicazione alle disposizioni dell’art. 54 bis del d.lgs. 165/2001 in materia di riservatezza della segnalazione di illeciti.
Il Responsabile della prevenzione della corruzione e i Responsabili dei procedimenti possono tenere conto di segnalazioni provenienti da eventuali portatori di interessi esterni all’Ordine, purché non anonime e sufficientemente circostanziate, che evidenzino situazioni di anomalia e configurino il rischio del verificarsi di fenomeni corruttivi.
6.6 Disposizioni in merito alla rotazione del personale
La rotazione del personale è attuata compatibilmente con la disponibilità di posti nell’organico dell’Ordine, e in considerazione della competenza professionale del personale, e non trova applicazione per le attività infungibili o altamente specializzate. Nei casi in cui si procede all’applicazione del principio della rotazione del personale si provvede a dare adeguata informazione alle organizzazioni sindacali.
6.7 Codice di comportamento
Al fine di garantire l’uniforme applicazione delle disposizioni introdotte dal D.P.R. 16 aprile 2013 n. 62 recante il “Codice di comportamento per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni”, l’Ordine provvede a dare comunicazione dell’emanazione del provvedimento mediante pubblicazione dello stesso sul sito web istituzionale e segnalazione con e-mail personale a ciascun dipendente.
Al fine di rendere efficace l’estensione degli obblighi anche ai collaboratori e ai consulenti in ottemperanza a quanto disposto dall’art. 2, comma 3 del suddetto Codice, l’Ordine dispone l’adeguamento degli schemitipo degli atti interni e dei moduli di dichiarazione anche relativamente ai rapporti di lavoro autonomo.
In conformità a quanto previsto dal P.N.A., l’Ordine provvede ad adottare il proprio codice interno di comportamento nel rispetto dei tempi e dei contenuti ivi stabiliti ed in conformità alle Linee guida che sono state adottate dalla CIVIT (ANAC) con Delibera n. 75/2013, fatte salve le procedure di partecipazione previste dalla legge.
Paragrafo 7
(Formazione del personale)
La disciplina relativa alla formazione del personale in materia di prevenzione della corruzione è contenuta, a partire dall’anno 2014, nel Piano annuale delle iniziative formative concordate nell’accordo integrativo annuale.
All’interno di tale documento, su indicazione del Responsabile della prevenzione della corruzione, saranno individuati anche i dipendenti da inserire nei programmi di formazione in materia di prevenzione della corruzione, gli strumenti e i canali di erogazione della formazione, la quantificazione delle iniziative di formazione specificamente dedicate alla materia della prevenzione della corruzione e le modalità di verifica dell’attuazione delle iniziative formative.
Paragrafo 8
Obblighi di trasparenza – Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità
1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell’amministrazione
La trasparenza costituisce strumento di prevenzione e contrasto della corruzione ed è intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle Pubbliche Amministrazioni allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche.
L’Ordine, ai sensi dell’articolo 6 del Dlgs n. 139 del 2005, è un ente pubblico non economico a carattere associativo dotato di autonomia patrimoniale e finanziaria che determina la propria organizzazione con appositi regolamenti nel rispetto delle disposizioni di legge ed è soggetto alla vigilanza del Consiglio Nazionale e del Ministero della Giustizia. Ai sensi del Dlgs n. 139 del 2005 l’Ordine svolge attività istituzionali e attività aggiuntive rese a favore degli Iscritti e di soggetti terzi richiedenti sia pubblici sia
privati.
Al fine di perseguire efficacemente il proprio mandato istituzionale, l’Ordine opera attraverso una organizzazione composta dal Consiglio Direttivo dell’Ordine (composto da 7 consiglieri), dal Consiglio di Disciplina Territoriale (composto da 7 membri) e dalla struttura amministrativa composta da 2 dipendenti.
Un’elencazione, da ritenersi non tassativa,
delle attività svolte dall’Ordine è rinvenibile
nella seguente tabella e in forma più estesa
nella carta dei servizi pubblicata sul sito web
dell’Ordine.
Attività
Unità Organizzativa e Responsabile
Provvedimenti disciplinari a carico degli Iscritti Segreteria del Consiglio di Disciplina
territoriale – Presidente Consiglio di Disciplina
territoriale
Segreteria del Consiglio Direttivo –
Iscrizione, trasferimento e cancellazione
dall’Albo e dall’Elenco speciale
Ufficio Albo e Tirocinio – Consigliere delegato
all’Albo
Rilascio di certificati e attestazioni relativi agli
Iscritti
Ufficio Albo e Tirocinio – Presidente
Commissione Albo
Iscrizione, trasferimento e cancellazione
Registro del Tirocinio
Ufficio Albo e Tirocinio – Presidente
Commissione Tirocinio
Rilascio di certificati e attestazioni relativi ai
Tirocinanti
Ufficio Albo e Tirocinio – Presidente
Commissione Tirocinio
Accredito eventi formativi Ufficio FPC – Presidente Commissione Attività
formative
Riconoscimento crediti FPC degli Iscritti Ufficio FPC – Presidente Commissione Attività
formative
Pareri in materia di onorari Commissione Liquidazione Parcelle – Consiglio
dell’Ordine
Composizione delle contestazioni che
sorgono, in dipendenza dell’esercizio
professionale, tra gli Iscritti nell’Albo e tra
questi e i loro clienti.
Segreteria di Presidenza – Presidente
Accesso documenti amministrativi Segreteria di Presidenza – Segretario
Le principali novità
In fase di prima applicazione della normativa in materia di trasparenza e integrità, l’Ordine si impegna a dare attuazione agli adempimenti di pubblicità previsti dal d.lgs. n. 33 del 2013 mediante l’aggiornamento del sito web istituzionale con l’attivazione di una specifica sezione denominata “Amministrazione trasparente” accessibile dalla homepage del sito che nel corso del 2014 sarà articolata secondo il modello proposto nell’allegato al citato decreto.
Con Delibera del 13 febbraio 2014 il Consiglio Direttivo dell’Ordine ha inoltre nominato responsabile per la
trasparenza il Vicepresidente dell’Ordine, già individuato quale responsabile della prevenzione della
corruzione dell’Ente.
3. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma I termini e le modalità per l’assolvimento degli obblighi di trasparenza previsti dal Dlgs n. 33 del 2013 e il suo coordinamento il P.T.P.C. sono indicati nelle linee guida sulla trasparenza approvate con delibera n. 50 del 2013 della CIVIT.
Per la redazione del piano il responsabile della trasparenza si relaziona con tutti i responsabili dei procedimenti per quanto di rispettiva competenza.
Tali soggetti partecipano al processo di adeguamento agli obblighi relativi alla trasparenza svolgono attività informativa nei confronti del Responsabile, assicurano l’osservanza del Piano. Tutti i dipendenti partecipano al processo di adeguamento agli obblighi relativi alla trasparenza, osservano le misure contenute nel Piano segnalando le eventuali mancanze o proposte di miglioramento.
4. Iniziative di comunicazione della trasparenza Il Programma è pubblicato sul sito istituzionale dell’Ordine nella sezione “Amministrazione trasparente”.
5. Processo di attuazione del Programma Il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità è aggiornato con cadenza annuale.
Nella sezione “Amministrazione trasparente” è inoltre pubblicato un invito espresso a tutti gli interessati ad inviare all’indirizzo di posta elettronica del responsabile della trasparenza eventuali suggerimenti, critiche e proposte di miglioramento.
6. Accesso agli atti e Accesso civico
L’Ordine dà attuazione alle norme in materia di accesso ai documenti amministrativi di cui alla legge n. 241 del 1990 mediante l’applicazione del proprio Regolamento nel quale sono individuati i soggetti competenti a fornire riscontro alle istanze dei cittadini.
AI sensi dell’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n. 33/2013, la richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione, quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al responsabile della trasparenza dell’Amministrazione.
Il responsabile della trasparenza si pronuncia in ordine alla richiesta di accesso civico e ne controlla e assicura la regolare attuazione. Peraltro, nel caso in cui il responsabile non ottemperi alla richiesta, è previsto che il richiedente possa ricorrere al titolare del potere sostitutivo che dunque assicura la pubblicazione e la trasmissione all’istante dei dati richiesti.
Ai fini della migliore tutela dell’esercizio dell’accesso civico, le funzioni relative all’accesso civico di cui al suddetto articolo 5, comma 2, sono delegate dal responsabile della trasparenza ad altro dipendente, in modo che il potere sostitutivo possa rimanere in capo al responsabile stesso.
Il responsabile della trasparenza delega i seguenti soggetti a svolgere le funzioni di accesso civico di cui all’articolo 5 del decreto legislativo n. 33/2013:
 personale assegnato alla segreteria di presidenza.
7. “Dati ulteriori”
L’Ordine, per il tramite del responsabile della trasparenza, ai sensi dell’articolo 4, comma 3, del decreto legislativo n. 33/2013, individua i seguenti ulteriori dati da pubblicare nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito internet istituzionale e le relative modalità e termini per la loro pubblicazione:
 Incarichi assegnati agli Iscritti dal Consiglio Direttivo dell’Ordine;
 Incarichi assegnati agli Iscritti dal Presidente dell’Ordine.
TITOLO III
DISPOSIZIONI FINALI
Paragrafo 9
(Report annuale sulle attività di prevenzione della corruzione)
1. Entro il 15 dicembre di ogni anno, il Responsabile della prevenzione della corruzione trasmette al Consiglio Direttivo dell’Ordine una relazione sull’attività svolta e i risultati conseguiti e ne cura la pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ordine.
Paragrafo 10
(Cronoprogramma e azioni conseguenti all’adozione del Piano)
In seguito all’approvazione del
presente Piano ed in
attuazione degli ulteriori
adempimenti previsti dalla
legge n. 190 del 2012, l’Ordine
si impegna ad eseguire le
attività di seguito indicate nel
rispetto dei tempi ivi indicati.
ATTIVITA’ DA ESEGUIRE
INDICAZIONE TEMPORALE
STRUTTURE COMPETENTI
Diffusione del presente Piano
tra gli uffici dell’Ordine e
pubblicazione sul sito web
Contestualmente all’entrata in
vigore del Piano
Responsabile della
prevenzione della corruzione
Adeguamento del sito web
istituzionale dell’Ordine agli
obblighi di pubblicità previsti
dal d.lgs. n. 33 del 2013
Contestualmente all’entrata in
vigore del Piano
Responsabile della
trasparenza
Proposta, da parte del
Responsabile, dei programmi
di formazione relativamente
alle attività a maggiore rischio
di corruzione
Entro 60 giorni dall’entrata in
vigore del Piano
Responsabile della
prevenzione della corruzione
Proposta, da parte del
Responsabile, dei dipendenti
da inserire nei programmi di
formazione relativi alle attività
a maggiore rischio di
corruzione
Entro 60 giorni dall’entrata in
vigore del Piano
Responsabile della
prevenzione della corruzione
Ricognizione dei procedimenti
di competenza dell’Ordine e
dei relativi termini di
conclusione. Formulazione di
proposte di misure per il
monitoraggio del rispetto dei
suddetti termini
Entro sei mesi dall’entrata in
vigore del Piano
Responsabile della
prevenzione della corruzione –
Responsabile della
trasparenza
Paragrafo 11
(Adeguamento del Piano e clausola di rinvio)
1. Il presente Piano potrà subire modifiche ed integrazioni per esigenze di adeguamento alle eventuali future indicazioni provenienti da fonti nazionali o regionali competenti in materia.
2. In ogni caso il Piano è aggiornato con cadenza annuale ed ogni qual volta emergano rilevanti mutamenti dell’organizzazione o dell’attività dell’Ordine. Gli aggiornamenti annuali e le eventuali modifiche in corso di vigenza sono proposte dal Responsabile della prevenzione della corruzione ed approvate con provvedimento del Consiglio Direttivo.
3. Degli aggiornamenti e delle eventuali modifiche in corso di vigenza sarà data adeguata evidenza mediante pubblicazione della versione modificata del documento sul sito istituzionale dell’Ordine nella sezione “Amministrazione trasparente” nonché mediante segnalazione via e-mail personale a ciascun dipendente.
4. Per tutto quanto non espressamente disciplinato nel presente Piano si applicano le disposizioni vigenti in materia ed, in particolare, la legge n. 190 del 2012, il d.lgs. n. 33 del 2013 e il d.lgs. n. 39 del 2013.
Paragrafo 12
(Entrata in vigore)
Il presente piano entra in vigore in data odierna.

Calendario Eventi

FAD DIRECTIO

Ricerca

Comunicazioni

Fatturazione Elettronica

Disposizioni in materia di FatturePA per l'ODCEC di Isernia
Si comunica che, in base alla normativa vigente, a decorrere dal 31 marzo 2015 l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Isernia è obbligato ad adempiere alle disposizioni riferite alla fatturazione elettronica e, nello specifico, potrà accettare solo fatture nel formato elettronico e unicamente con l’annotazione “scissione del pagamento” (split payment).


Clicca per consultare le comunicazioni trasmesse ai Fornitori, Consulenti e Relatori di Convegni